Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Bolzano. Il caso dei coniugi scomparsi. Dall'autopsia segni di un possibile strangolamento sul corpo senza vita di Laura Perselli.

Miniatura della notizia (Miniatura di Tuxyso su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Secondo il medico legale ci sarebbero segni di una morte da soffocamento sul corpo senza vita di Laura Perselli, la donna scomparsa da Bolzano assieme al marito Peter Neumair lo scorso 4 gennaio. La notizia, non confermata in maniera ufficiale dalla Procura, parlerebbe di segni evidenti che potrebbero ricondurre ad un assassinio per strangolamento.

Si tratterebbe tuttavia solamente di una prima valutazione da parte di Dario Raniero, dell'Istituto di Medicina legale di Verona, l'anatomopatologo che si sta occupando del caso. In attesa della possibile richiesta da parte della difesa di un incidente probatorio, il corpo della vittima è stato congelato per preservarne i liquidi organici, in attesa dell'esame autoptico, che sarà decisivo per un ulteriore sviluppo delle indagini.

Nel frattempo la difesa del figlio Benno, al momento unico accusato di duplice omicidio e occultamento di cadavere, ha richiesto la scarcerazione che verrà decisa oggi, 9 febbraio, durante l'udienza del riesame. Sempre che si dimostri che il colpevole è lui, sulla reale imputabilità di Benno nel frattempo comincerebbero a sorgere i primi dubbi.

Nel luglio dello scorso anno il 30enne era stato infatti trasferito nel reparto di psichiatria di un ospedale tedesco a causa di disturbi di natura paranoide, sfociati in seguito a una lite con l'allora fidanzata. Potrebbe spuntare in questo caso l'ipotesi difensiva di una possibile semi infermità mentale.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.