Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Modena. Caso Elena Morandi. Dopo tre anni, il rinvio a giudizio per Pasquale Concas, già condannato per altri due femminicidi.

Miniatura della notizia (Miniatura di Mongolo1984 su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 4.0)

Pasquale Concas, già coinvolto negli omicidi di due donne (Arietta Mata a Castelfranco Emilia nel 2018 e Loredana Gottardi a Olbia nel 1994), è stato rinviato a giudizio anche per la morte dell'ex avvocata civilista Elena Morandi.

La vittima, che risiedeva a Modena e negli ultimi anni si era ritirata dalla professione, fu trovata senza vita dopo un incendio nella sua abitazione di via Boccabadati il 24 settembre 2017. L'accusa per Concas è di omicidio volontario aggravato dai futili motivi, nonché i reati di rapina, incendio e tentata soppressione di cadavere.

Si aggrava dunque ulteriormente la posizione del 50enne che, secondo gli inquirenti modenesi, avrebbe ucciso la signora Morandi, con la quale avrebbe avuto una relazione, per rubarle il computer e una piccola somma in denaro. L'uomo è al momento rinchiuso nel carcere di San Gimignano per scontare la condanna per l'omicidio di Arietta Mata.

Per l'uccisione della giovane ragazza ungherese, Concas aveva ricevuto una pena a 24 anni di reclusione in primo grado, poi ridotta a 20 in Appello.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.