Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Montecassiano. Omicidio Rosina Carsetti. Arianna Orazi ed Enea Simonetti si avvalgono della facoltà di non rispondere davanti al gip.

Miniatura della notizia (Miniatura di SirLeonidas su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 4.0)

Come avevano fatto già in precedenza davanti agli inquirenti, hanno scelto ancora di non rispondere alle domande, questa volta davanti al gip, Arianna Orazi, 49 anni, e il figlio Enea Simonetti, 20 anni.

Entrambi sono stati arrestati il 12 febbraio scorso con l'accusa di omicidio premeditato pluriaggravato di Rosina Carsetti, 78 anni, madre di Arianna e nonna del 20enne, in concorso con il marito della vittima, Enrico Orazi, 79 anni, indagato a piede libero.

L'anziana era stata soffocata in casa tra le 17 e le 17.20 della scorsa vigilia di Natale. I familiari avevano raccontato di una rapina finita in tragedia commessa da un rapinatore solitario, poi scappato; l'accusa non ha mai creduto a quella versione dei fatti e, tra ammissioni parziali del giovane, intercettazioni e altri accertamenti tecnici, ha chiesto e ottenuto le misure cautelari per due dei tre indagati accusati anche di simulazione di reato, maltrattamenti ed di estorsione.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.