Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Catania. Danneggia l'auto dell'ex compagna perché era vestita in modo troppo appariscente. Un 34enne arrestato dai Carabinieri.

Miniatura della notizia (Miniatura di Luca Aless su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 4.0)

I carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale hanno arrestato un 34enne di Catania ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia, danneggiamento e violazione degli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale.

I militari si sono precipitati in viale Castagnola dopo le segnalazioni giunte da diversi cittadini, i quali hanno riferito di aver sentito grida concitate e di aver notato un uomo che, sulla pubblica via, stava distruggendo un'autovettura. Il soggetto sul posto, emotivamente scosso, ha confermato di essere l'autore del danneggiamento dell'autovettura di proprietà della sua ex convivente 28enne.

L'uomo si è giustificato dichiarando di essersi comportato in tal modo per evitare di sfogare la propria rabbia sulla donna. A scatenare la furia sarebbe stato l'abbigliamento della donna, giudicato "troppo appariscente". Nel frattempo, mentre alcuni parenti cercavano di calmare l'esagitato, i militari hanno raggiunto la donna che aveva trovato riparo presso una vicina di casa.

La relazione tra i due era iniziata nel 2013 e dalla loro unione sono nate due bambine, rispettivamente di 1 e 4 anni. La donna ha anche raccontato che l'uomo era stato già in passato denunciato per stalking dalla sua ex moglie e che quest'ultimo nei suoi confronti aveva sempre avuto atteggiamenti aggressivi causati dalla gelosia e proferendo, in più occasioni, minacce di morte e percosse, mai denunciate.

Ai militari, pertanto, non è rimasto altro che trarre in arresto l'individuo, tra l'altro gravato dalla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno, associato dopo le formalità di rito al carcere di Termini Imerese.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.