Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Cisterna di Latina. Omicidio Elisa Ciotti. La perizia psichiatrica su Trabacchin: capace di intendere e di volere. L'uomo affronterà il processo.

Immagine della notizia

Lucido e consapevole, non rappresenta un pericolo dal punto di vista psichiatrico e può naturalmente affrontare il processo a suo carico. È quanto ha stabilito il perito nominato dalla Corte di Assise di Latina per una valutazione dello stato mentale di Fabio Trabacchin, il 38enne che deve rispondere dell'omicidio volontario della moglie Elisa Ciotti.

La vittima era stata uccisa a martellate all'alba del 10 luglio del 2019 nella sua abitazione di Cisterna di Latina. Un omicidio che per la Procura non sarebbe stato premeditato, scaturito forse al culmine dell'ennesima lite tra i due coniugi, separati in casa, in merito all'affidamento della figlia.

Era stata la bambina, di appena 10 anni, lasciata sola dal padre col cadavere della donna in casa, a dover chiedere aiuto a un parente mentre l'imputato cercava di raggiungere Roma dopo essersi liberato del martello e dei vestiti che indossava al momento dell'assassinio.

La difesa aveva sostenuto la possibilità che il raptus avesse offuscato la mente dell'uomo rendendolo incapace di intendere e volere, anche temporaneamente. Ipotesi smontata dal perito, il dottor Marasco. Trabacchin affronterà dunque il processo.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.