Catania. Avrebbe abusato della propria figlia. Un 44enne condannato a 13 anni di reclusione per violenza sessuale su minorenni.

Immagine della notizia (Miniatura di Luca Aless su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 4.0)

Avrebbe abusato della propria figlia e di quella della sua nuova convivente e, a una delle due vittime, avrebbe anche mostrato video in cui si vedeva la madre avere rapporti sessuali.

È l'accusa contestata dalla Procura di Catania a un 44enne che è stato condannato a 13 anni di reclusione dalla quarta sezione penale del Tribunale del capoluogo etneo per violenza sessuale aggravata su minorenni e corruzione di minorenne.

L'inchiesta è stata incardinata dal pool contro le violenza sulle le donne coordinato dal procuratore Carmelo Zuccaro e dall'aggiunto Marisa Scavo. La pm Michela Maresca, che ha sostenuto l'accusa in aula, aveva chiesto la condanna a 15 anni di reclusione. L'uomo è anche indagato in un secondo troncone scaturito dall'inchiesta principale.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.