Orentano. Il giallo di Khrystyna Novak. È stato ritrovato a Castelfranco di Sotto il corpo senza vita della vittima.

Immagine della notizia (Miniatura di LigaDue su it.wikipedia.org, licenza CC BY-SA 4.0)

Il corpo senza vita di Khrystyna Novak è stato ritrovato in un casolare nei pressi di Castelfranco di Sotto, non molto distante da dove la 29enne risiedeva prima che di lei si perdessero le tracce.

Lo scrivono oggi, 21 maggio 2021, i giornali locali. La scoperta è stata effettuata durante una battuta degli agenti di polizia di Pisa nei pressi del punto in cui il cellulare della giovane ucraina aveva smesso di trasmettere segnali.

C'è stato per mesi un alone di mistero sulla tragica fine di Khrystyna Novak, scomparsa lo scorso novembre da Orentano, frazione del comune di Castelfranco di Sotto, in provincia di Pisa. Gli investigatori sospettano che a ucciderla sarebbe stato un 50enne fiorentino, Francesco Lupino, noto nell'ambiente del traffico di stupefacenti.

La donna infatti, da alcuni mesi, era la compagna di un imprenditore spagnolo, vicino di casa e amico in affari del presunto assassino arrestato all'alba del 23 marzo. L'omicidio sarebbe stato commesso nella notte fra l'1 e il 2 novembre 2020, con un colpo di pistola. Uccisa a causa di un diverbio, perché forse sapeva troppo. Il tempo poi per nascondere il corpo, magari in una delle aree boschive vicine, non sarebbe mancato.

Le indagini sono state coordinate dalla Procura di Pisa e portate avanti dalla Squadra Mobile di Pisa, dal Servizio Centrale Operativo di Roma e della Polizia scientifica di Firenze e Roma. Due mesi fa, il procuratore capo Alessandro Crini, aveva parlato di "gravi indizi" a carico di Lupino che aveva litigato con il compagno di Khrystyna: "la vittima suo malgrado si è trovata in mezzo a delle tensioni con conseguenze disgraziate".

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.