Trevignano Romano. Due donne di 65 e 76 anni sono state uccise. Il figlio della 65enne tenta la fuga, poi viene fermato dai Carabinieri.

Immagine della notizia (Miniatura di trolvag su Panoramio e Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Due donne sono state trovate senza vita, avevano 65 e 76 anni. È successo nel pomeriggio di oggi, domenica 6 giugno 2021 a Trevignano Romano. In base a quanto ricostruito, sarebbero state uccise con un pezzo di legno, simile a una lancia rudimentale o ad un bastone.

Il presunto autore sarebbe un uomo di 34 anni, residente nella stessa casa, disoccupato, con precedenti, tossicodipendente, figlio della 65enne. È stato fermato dai Carabinieri mentre tentava di fuggire a bordo di un'auto rubata (con cui ha investito un gruppo di ciclisti, fortunatamente senza conseguenze). Poi è stato trasportato all'ospedale di Bracciano per essere sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio.

Sul posto sono in corso i rilievi del Nucleo Investigativo del Gruppo di Ostia. Ignoti i motivi che avrebbero scatenato la furia del 34enne. Sarebbero state le urla della donna, riferiscono alcuni testimoni, ad attirare in casa l'altra vittima del duplice omicidio, una vicina di casa 76enne, aggredita e uccisa anche lei con un'arma impropria, forse a bastonate.

Il malintenzionato, sceso da casa disarmato, a quanto raccontano alcuni vicini, avrebbe poi bloccato una giovane donna che si trovava nel comprensorio, facendosi dare la sua auto e partendo di corsa in direzione Bracciano. Una fuga concitata durante la quale avrebbe travolto auto e ciclisti per poi essere bloccato dai Carabinieri della Compagnia di Bracciano.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.