Novellara. Il caso della scomparsa di Saman Abbas. Il vocale della giovane al fidanzato: "Omicidio unica soluzione. Parlavano di me".

Immagine della notizia (Miniatura di Andreab82 su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

"Stavano parlando proprio di me". Sono le parole che Saman Abbas, la diciottenne pachistana scomparsa da oltre un mese a Novellara (Reggio Emilia) e di cui si teme l'omicidio, avrebbe detto in chat al fidanzato.

La giovane si riferiva a una frase, pronunciata dalla madre, che indicava l'uccisione come unica soluzione per una donna che non si attiene alle regole della vita pachistane. Come riporta la Gazzetta di Reggio Emilia, tale testimonianza sarebbe stata confidata dal fidanzato ai Carabinieri.

Il ragazzo avrebbe raccontato di un messaggio vocale ricevuto da Saman in cui la diciottenne rivela: "L'ho sentito con le mie orecchie ti giuro che stavano parlando di me...". La vittima avrebbe anche affrontato direttamente la madre chiedendo spiegazioni, ma la donna avrebbe negato.

Tale vocale risalirebbe al 30 aprile, la sera in cui sarebbe avvenuto il delitto, secondo le ipotesi investigative. La madre di Saman, insieme al padre, allo zio della ragazza e a due cugini, è indagata per omicidio.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.