Novellara. Saman Abbas sarebbe stata strangolata. La testimonianza del fratello: "L'ha uccisa mio zio, Danish Hasnain".

Immagine della notizia (Miniatura di Andreab82 su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Saman Abbas sarebbe stata uccisa all'interno di uno spazio temporale di 13 minuti. Ovvero dalle 00.09 alle 00.22 dello scorso 1º maggio. In questo intervallo di tempo le telecamere la inquadrano mentre esce dalla casa di Novellara (Reggio Emilia) con uno zainetto in spalla, seguita dai genitori. Poi il padre torna a casa da solo, senza di lei.

Prima di questo arco temporale era partito l'ultimo messaggio al fidanzato, alle 23.30 del 30 aprile con un telefono utilizzato di nascosto. Poi la lite con i genitori, la fuga tentata e l'intervento dello zio Danish Hasnain attualmente ricercato. Ma per ricostruire meglio la vicenda bisogna utilizzare il racconto del fratello di Saman agli investigatori, riportato oggi dal Corriere della Sera.

"Mio zio Danish ha ucciso Saman. Ho paura di lui, perché mi ha detto che se io avessi rivelato ai Carabinieri quanto successo, mi avrebbe ammazzato. Ho pensato anche di ucciderlo mentre dormiva, visto ciò che ha fatto. Ma poi ho pensato che sarei finito in prigione. Ed era meglio che intervenissero i Carabinieri".

Secondo il gip di Reggio Emilia, non è stato un delitto d'impeto ma un omicidio premeditato: "È certo che avessero programmato anche di ucciderla per punirla dell'allontanamento dai precetti dell'Islam e per la ribellione alla volontà familiare, nonché per le continue fughe da casa".

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.