Cava de' Tirreni. L'appello del fratello di Nunzia Maiorano. "Giustizia fino in fondo. Chiediamo la conferma della condanna".

Immagine della notizia

"Nunzia Maiorano merita giustizia fino in fondo". È l'appello lanciato oggi dalle pagine del quotidiano Il Mattino da parte del fratello della donna uccisa dal marito Salvatore Siani a Cava de' Tirreni (Salerno) nel gennaio del 2018.

L'imputato era stato riconosciuto colpevole anche in secondo grado, per omicidio volontario, e condannato a 30 anni di reclusione. I parenti della vittima chiedono che la sentenza venga confermata definitivamente dalla Cassazione.

"Incontreremo la preside dell'istituto comprensivo Carducci Trezza, Mena Adinolfi, per organizzare la cerimonia di consegna del premio intitolato a mia sorella – annuncia Gianni MaioranoÈ un modo per diffondere, anche con l'aiuto della scuola, la cultura della non violenza sulle donne".

Un segno per cercare di andare avanti anche e soprattutto per i tre figli di Nunzia: "È veramente la nostra gioia vedere come i nostri nipoti stanno crescendo. Hanno intrapreso, specie il più grande, un percorso che li ha portati a maturare e raggiungere importanti risultati non solo a scuola, ma anche sul piano personale".

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.