Cisterna di Latina. Omicidio Desirée Mariottini a Roma nel 2018. Condannati tutti e quattro gli imputati. Inflitti due ergastoli.

Immagine della notizia (Miniatura di Luca Aless su it.wikipedia.org, licenza CC BY-SA 4.0)

Yussef Salia, Mamadou Gara, Brian Minteh e Alinno Chima, tutti condannati dalla Corte d'Assise di Roma per l'omicidio di Desirée Mariottini. Per due dei killer la pena è l'ergastolo. Poi altre due condanne a 27 anni e 24 anni.

Ad essere condannati al massimo della pena sono Mamadou Gara e Yussef Salia. Una pena di 27 anni è stata inflitta invece ad Alinno Chima. Condannato a 24 anni e 6 mesi Brian Minthe. La pubblica accusa aveva chiesto l'ergastolo per tutti.

Desirée Mariottini aveva 16 anni ed era originaria di Cisterna di Latina. Fu trovata senza vita il 19 ottobre del 2018 dopo essere stata abusata in un immobile abbandonato di via dei Lucani nel quartiere San Lorenzo a Roma. Le accuse per i quattro imputati andavano dall'omicidio volontario alla violenza sessuale aggravata arrivando alla cessione di droga a minori.

I giudici non hanno riconosciuto l'aggravante della crudeltà, caduta per tutti e quattro gli imputati.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.