Novellara. Omicidio Saman Abbas. Il fidanzato accusa un cugino: "La picchiò, aveva un livido sul volto". Però il giovane nega.

Immagine della notizia (Miniatura di Andreab82 su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Il fidanzato di Saman Abbas, un 24enne pachiistano residente in Italia, non accettato dalla famiglia della ragazza, ha raccontato di aver visto la giovane con un livido in volto, nella denuncia che aveva sporto ai Carabinieri.

Nei giorni scorsi il Resto del Carlino aveva anticipato sia l'episodio sia il fatto che l'ecchimosi sarebbe stata causata da un cugino, a riprova del fatto che anche nella sua cerchia familiare allargata c'era chi osteggiava i comportamenti della 18enne e, soprattutto, quella storia d'amore non autorizzata.

Da quanto emerso dalla trasmissione Chi l'ha visto?, nella denuncia sporta dal fidanzato si fa il nome di un cugino di Saman, che tuttora lavora nell'azienda agricola di Novellara, come autore di quelle percosse. Il livido è stato anche immortalato in una foto fornita dallo stesso fidanzato.

Il cugino è colui che era andato a comprare i biglietti aerei per il Pakistan per uno dei genitori di Saman, mentre per l'altro si era recato lo zio Danish Hasnain, tuttora latitante. Il giovane, che ancora abita a Novellara, ha però negato di aver alzato le mani su Saman e ha detto di non conoscere neppure il suo fidanzato.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.