Corte di Cassazione. Omicidio Natasha Bettiolo a Trebaseleghe nel maggio 2017. Definitiva la condanna a 30 anni per Luigi Sibilio.

Immagine della notizia (Miniatura di Mister No su Panoramio e Wikimedia Commons, licenza CC BY 3.0)

La Cassazione mette il sigillo definitivo alla condanna a 30 anni di reclusione per Luigi Sibilio, il 39enne napoletano reo confesso dell'omicidio di Natasha Bettiolo, cuoca 46enne di Massanzago, massacrata con 9 coltellate il 18 maggio 2017 davanti alla scuola elementare di Trebaseleghe (Padova), dove lavorava.

Nei giorni scorsi i giudici della Suprema Corte hanno quindi confermato le sentenze di primo e secondo grado che avevano condannato l'imputato per omicidio volontario aggravato dalla premeditazione e dalla minorata difesa della vittima.

Sibilio voleva uccidere la vittima perché "colpevole" di aver chiuso una breve relazione. Una storia senza importanza per lei, ma carica di significato per lui che aveva mollato moglie e tre figli a Napoli con l'obiettivo di trasferirsi al Nord, convinto di andare a vivere con la 46enne. L'uomo l'aveva anche minacciata con un taglierino il 17 dicembre 2016, dopo averla pedinata in un centro commerciale a Camposampiero.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.