Brescia. È iniziato il processo per l'omicidio di Viktoriia Vovkotrub. Kadrus Berisa ha confessato il delitto dinanzi alla Corte.

Immagine della notizia (Miniatura di Wolfgang Moroder su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

"Ammetto di aver commesso l'omicidio". È iniziato con queste parole dell'imputato davanti alla Corte d'Assise di Brescia il processo di primo grado per l'omicidio di Viktoriia Vovkotrub.

La 42enne badante ucraina era stata uccisa lo scorso novembre con 14 coltellate, di cui cinque mortali, e seppellita nella ex bocciofila abbandonata sotto casa dell'ex compagno in via Divisione Acqui in città.

Imputato è proprio l'ex fidanzato 60enne Kadrus Berisa, accusato di omicidio aggravato dalla premeditazione e dalla crudeltà, occultamento di cadavere e anche stalking. L'uomo aveva fatto trovare il corpo, ma fino ad oggi non aveva mai confessato il delitto.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.