Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Bardolino. Omicidio Chiara Ugolini. Emanuele Impellizzeri si avvale della facoltà di non rispondere dinanzi al gip. L'uomo resta in carcere.

Immagine della notizia (Miniatura di Bhayer su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Bardolino. Omicidio Chiara Ugolini. Emanuele Impellizzeri si avvale della facoltà di non rispondere dinanzi al gip. L'uomo resta in carcere.

Sono stati convalidati il fermo e la misura cautelare in carcere per Emanuele Impellizzeri, il 38enne fermato per l'omicidio di Chiara Ugolini, la 27enne trovata uccisa il 5 settembre nel suo appartamento a Calmasino di Bardolino (Verona).

Davanti al gip l'indagato si è avvalso della facoltà di non rispondere. Intanto, l'esame autoptico sulla ragazza ha riscontrato numerosi traumi interni, alla nuca, al torace, all'addome, segno di una colluttazione violenta con l'aggressore.

Però nessuna lesione, da sola, spiegherebbe la causa del decesso. Le indagini dovranno approfondire anche l'entità dei danni causati dalla candeggina, messa sullo straccio usato dal killer, che Chiara è stata costretta a ingerire. Secondo gli inquirenti, la 27enne è stata sorpresa dall'aggressore mentre si stava vestendo, ma non avrebbe subito una violenza sessuale.

Il 38enne è accusato di aver commesso l'omicidio con le aggravanti della crudeltà e dei motivi abietti e futili. In base a quanto riportato nell'ordinanza del gip, la misura della custodia in carcere si è resa necessaria per il pericolo di fuga, per la gravità del fatto contestato e tenuto conto della personalità dell'indagato.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.‍