Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Quartucciu. Donna uccisa a coltellate dal marito. L'ennesima lite in casa, poi la telefonata dell'uomo ai Carabinieri.

Immagine della notizia (Miniatura di piantisergio su Wikimapia e Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 4.0)

Quartucciu. Donna uccisa a coltellate dal marito. L'ennesima lite in casa, poi la telefonata dell'uomo ai Carabinieri.

È accaduto ieri pomeriggio, 9 settembre 2021, a Quartucciu in provincia di Cagliari. Paolo Randaccio, pensionato di 67 anni, ha ucciso la moglie Angelica Salis, 60 anni.

L'uomo, da quanto si apprende, l'avrebbe accoltellata più volte. Molti dei fendenti hanno raggiunto la vittima al collo, non lasciandole scampo. Randaccio è stato fermato dai Carabinieri con l'accusa di omicidio volontario.

È stato lui a chiamare i militari, rivelando quanto aveva appena compiuto. E proprio nell'abitazione in cui la coppia conviveva che i Carabinieri lo hanno trovato insieme al cadavere della moglie. Successivamente l'uomo è stato portato in caserma per essere interrogato dagli inquirenti.

Secondo una prima ricostruzione, il delitto è avvenuto intorno alle 15.00. I due coniugi, che vivono da soli, avrebbero iniziato a discutere mentre si trovavano in camera da pranzo. Non era la prima volta che accadeva: anche nei giorni precedenti, secondo alcuni testimoni, c'erano stati problemi.

L'uomo avrebbe preso un coltello da cucina e si sarebbe avventato sulla moglie, colpendola ripetutamente. In attesa della convalida del fermo, il 67enne è stato condotto nel carcere di Uta.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.‍