Mola di Bari. Omicidio Bruna Bovino del 2013. Antonio Colamonico condannato in Appello bis a 26 anni di reclusione.

Immagine della notizia (Miniatura di Pasquale Braschi su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 4.0)

La Corte d'Appello di Bari ha condannato a 26 anni di reclusione Antonio Colamonico, imputato per l'omicidio della ex compagna Bruna Bovino.

L'estetista 29enne italo-brasiliana fu uccisa a Mola di Bari il 12 dicembre 2013. I giudici hanno letto la sentenza al termine di una camera di consiglio durata alcune ore. Lo riporta l'Ansa.

In precedenza, in primo grado, Colamonico era stato condannato (nel luglio 2015) a 25 anni di reclusione. In appello, nel novembre 2018, era stato assolto e oggi, dopo l'annullamento con rinvio da parte della Cassazione, un nuovo collegio della Corte d'Appello ha ribaltato la sentenza dichiarandolo colpevole di omicidio volontario e incendio doloso, senza il riconoscimento della continuazione tra i due reati.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.