Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Napoli. Omicidio Ornella Pinto. Pinotto Iacomino testimonia al processo e cambia versione: "È stato un raptus".

Immagine della notizia (Miniatura di Armando Mancini su Flickr, licenza CC BY-SA 2.0)

Napoli. Omicidio Ornella Pinto. Pinotto Iacomino testimonia al processo e cambia versione: "È stato un raptus".

Dopo tre interrogatori durante i quali ha confermato la dinamica dell'omicidio formulata dai pm, Pinotto Iacomino ha cambiato versione durante l'udienza in Tribunale. Il 43enne è accusato di aver ucciso con premeditazione la sua ex, Ornella Pinto, l'insegnante di sostegno di 40 anni e madre di un bambino di 4, uccisa all'alba del 13 marzo scorso a Napoli.

Secondo il suo racconto, l'omicidio sarebbe stato frutto di un raptus scattato durante una discussione. L'imputato ha riferito di essersi recato all'alba a casa della vittima e di averla svegliata mentre dormiva nella stanzetta del figlio. Lì le avrebbe avrebbe chiesto di spostarsi nella stanza da letto matrimoniale per un chiarimento e che la discussione a un certo punto sarebbe degenerata fino a spingerlo ad andare in cucina per prendere il coltello con il quale ha poi sferrato i fendenti mortali.

Una nuova versione è ritenuta dagli inquirenti e dal legale della famiglia Pinto una mossa per far cadere le aggravanti della premeditazione e della crudeltà che potrebbero determinare, se riconosciute dal giudice, una condanna all'ergastolo.

Secondo la Procura di Napoli, Iacomino, che aveva le chiavi dell'appartamento dove risiedeva la ex compagna, avrebbe ucciso la donna utilizzando un coltello prelevato dalla cucina di un hotel gestito dalla propria famiglia. L'uomo si sarebbe introdotto in casa già armato, con il coltello nascosto in uno zaino.

Iacomino fuggì dopo l'omicidio per poi costituirsi nella caserma dei Carabinieri di Montegabbione, in provincia di Terni, dove durante l'interrogatorio confessò il delitto.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.