Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Reggio Emilia. Omicidio Juana Cecilia. Genco ha registrato l'ultimo incontro con la vittima: "Mi sono arrabiato. Ho deciso di ucciderla".

Immagine della notizia (Miniatura di PhotoVim su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 4.0)

Reggio Emilia. Omicidio Juana Cecilia. Genco ha registrato l'ultimo incontro con la vittima: "Mi sono arrabiato. Ho deciso di ucciderla".

Un file audio lungo quasi un'ora che cristallizza gli ultimi minuti di vita di Juana Cecilia Hazana Loayza, uccisa a 34 anni in un parco pubblico poco lontano dalla sua casa a Reggio Emilia. A registrarlo è stato il suo assassino reo confesso, Mirko Genco, 24 anni, di Parma.

È stato l'uomo a consegnarlo alla Procura che lo accusa di omicidio pluriaggravato e anche di violenza sessuale, oltre ad altri reati minori. Genco ha spiegato di essere partito da Parma dopo avere visto una foto sui social della sua ex (che lo aveva più volte denunciato per stalking). Un'immagine che la ritrae felice, assieme ad alcuni amici.

"Mi sono molto arrabbiato - ha messo a verbale - poiché credo che una madre a quell'ora debba essere a casa con suo figlio", ha detto, riferendosi al bimbo che Cecilia aveva avuto da una precedente relazione.

Quando è arrivato a Reggio e l'ha trovata, Cecelia si è allontanata con lui e i due sono stati ripresi mentre camminano sotto ai portici e lui la tiene ferma per baciarla. A un certo punto - prosegue il racconto di Genco - Juana Cecilia "ha iniziato a dirmi cose bruttissime". Parole che hanno provocato in lui rabbia e "paura che Cecilia o la madre avessero chiamato la Polizia".

"Ho dunque deciso di attivare il registratore - ha spiegato - per iniziare a registrare tutto quello che stava accadendo poiché è a questo punto che, per la rabbia e la delusione che stavo provando, ho deciso di ucciderla".

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.‍