Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Messina. Omicidio Lorena Quaranta a Furci Siculo. Antonio De Pace ha contratto il Covid. Rinviata la perizia psichiatrica.

Immagine della notizia (Miniatura di Sebas su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Messina. Omicidio Lorena Quaranta a Furci Siculo. Antonio De Pace ha contratto il Covid. Rinviata la perizia psichiatrica.

Antonio De Pace, l'infermiere calabrese accusato di aver ucciso la fidanzata Lorena Quaranta, ha contratto il Covid. È stata dunque rinviata la relazione sulla perizia psichiatrica che la Corte d'Assise di Messina aveva disposto nei suoi confronti.

De Pace è accusato di omicidio aggravato dalla premeditazione e dai futili motivi. La consulente della difesa ha sostenuto che l'imputato, al momento del delitto, soffrisse di "delirio psicotico di primo livello" e che, dunque, la sua capacità di intendere e volere fosse compromessa. Da qui la richiesta dell'accusa di sottoporlo a perizia psichiatrica.

La vicenda si consumò alla fine di marzo 2020, all'interno dell'abitazione di Furci Siculo (Messina) che i due fidanzati condividevano. Dopo un litigio, De Pace aggredì violentemente la giovane originaria di Favara (Agrigento), uccidendola. L'aspirante infermiere raccontò, in prima battuta, di aver compiuto il gesto perché convinto di essere stato contagiato da lei.

Circostanza che però fu subito smentita dai tamponi, eseguiti a entrambi e risultati negativi. Da allora il movente è avvolto nel mistero. La pubblica accusa ipotizza un piano premeditato da tempo per uccidere la compagna. I risultati della perizia saranno determinanti per sostenere, o meno, questa tesi.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.