Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Licata. 48enne uccide il fratello, la cognata e i due nipotini, poi tenta il suicidio. Morto dopo il ricovero in ospedale.

Immagine della notizia (Miniatura di Davide Mauro (Codas) su it.wikipedia.org, licenza CC BY-SA 4.0)

Licata. 48enne uccide il fratello, la cognata e i due nipotini, poi tenta il suicidio. Morto dopo il ricovero in ospedale.

Prima ha sparato contro quattro familiari, tra cui due ragazzini, uccidendoli, poi ha tentato il suicidio. È finita nel sangue una lite in un'abitazione a Licata in provincia di Agrigento. Angelo Tardino, 48 anni, ha assassinato a colpi di pistola il fratello, la cognata e i due nipoti prima di tentare la fuga.

Braccato dai Carabinieri, l'uomo si è sparato mentre era al telefono con i militari, in una strada poco distante dal luogo della strage. Quando ormai sembrava incline ad arrendersi e costituirsi in caserma, gli investigatori hanno sentito al telefono uno sparo e hanno capito che il fuggitivo aveva premuto il grilletto contro sé stesso.

In un primo momento era sembrato che anche l'omicida fosse morto, ma poi si è appreso che l'uomo respirava ancora. Agonizzante, è quindi stato intubato e trasferito in elisoccorso all'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. Gravissime le sue condizioni.

Secondo una prima ricostruzione dei Carabinieri, che hanno sentito alcuni vicini, il quadruplo omicidio sarebbe stato originato da un violento diverbio per motivi economici, legati alla suddivisione di alcuni terreni della famiglia.

Aggiornamento: L'uomo non ce l'ha fatta a sopravvivere. Troppo gravi le sue condizioni. È deceduto nelle ore successive all'ospedale di Caltanissetta.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.