Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Cutro. Omicidio Vincenza Ribecco. "Cecè aveva paura di essere uccisa". Alfonso Diletto in silenzio dinanzi al gip.

Immagine della notizia (Miniatura di L'osservatore su it.wikipedia.org, licenza CC BY-SA 3.0)

Cutro. Omicidio Vincenza Ribecco. "Cecè aveva paura di essere uccisa". Alfonso Diletto in silenzio dinanzi al gip.

"Mi ha detto che l'ex marito era estremamente geloso e aveva paura di ritrovarselo davanti casa e che avrebbe potuto ucciderla". Parola di Giovanna Vitaliano, medico condotto in servizio a San Leonardo di Cutro (Crotone), tra le prime a intervenire, quel drammatico pomeriggio dello scorso 8 marzo, nella casa dove era stata appena uccisa la sua assistita, Vincenza Ribecco.

Tra gli elementi che hanno portato al fermo nei confronti dell'ex compagno Alfonso Diletto, ci sono anche le dichiarazioni rese dalla dottoressa che conosceva bene "Cecè", come veniva chiamata nel piccolo borgo la vittima. Le aveva consigliato di rivolgersi alle forze dell'ordine, ma "Cecè" aveva assicurato di aver denunciato il suo ex ai Carabinieri. Purtroppo non era vero.

"L'ultima volta che l'ho visitata è stato a febbraio – ha detto la dottoressa ai militari – si era presentata allo studio manifestando estrema paura, collegata a un'importante stato d'ansia e malessere generale, dovuto al fatto che l'ex marito continuava a seguirla, a minacciarla, a telefonarle rendendole la vita sociale impossibile". La donna temeva di ritrovarsi nei pressi di casa il suo ex e che questi potesse ucciderla. E così è stato.

Diletto, assistito dal proprio legale, si è avvalso della facoltà di non rispondere nel corso dell'interrogatorio di garanzia in carcere. Il gip di Crotone non ha ritenuto sussistente il pericolo di fuga, ma l'indagato resta comunque in carcere per il pericolo di reiterazione del reato.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.