Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Napoli. Omicidio Anastasiia Bondarenko. Il messaggio dell'ex compagno alla madre della vittima: "Io l'ho bruciata".

Immagine della notizia (Miniatura di Armando Mancini su Flickr, licenza CC BY-SA 2.0)

Napoli. Omicidio Anastasiia Bondarenko. Il messaggio dell'ex compagno alla madre della vittima: "Io l'ho bruciata".

Anastasiia Bondarenko è morta a seguito di un incendio scoppiato nell'abitazione in cui viveva, una palazzina del rione di Borgo Sant'Antonio Abate a Napoli. Per gli inquirenti l'omicida è l'ex compagno Dmytro Trembach, un 26enne di origini ucraine.

La ragazza, 23enne connazionale, era partita per l'Italia il 5 settembre 2021, da sola, per cercare lavoro. La figlia piccola era rimasta con il padre e le due nonne in Ucraina. Era ritornata in Ucraina dopo due mesi perché la ricerca non era andata a buon fine ed era poi tornata il 1º marzo, assieme alla figlia per scappare dalla guerra.

Ed è a Napoli, nella palazzina dove abitava, che ha trovato la morte. La 23enne era bloccata in bagno dalle fiamme mentre chiedeva aiuto e la figlia di 5 anni pregava la coinquilina di salvare la madre. La donna, Oleva Donchack, è riuscita però a mettere in salvo solo la piccola, nonostante la sua testimonianza sia stata utile per ricostruire la vicenda. È russa, ma parla anche in ucraino e ha ascoltato il grido di aiuto disperato della piccola: "Salva mia mamma, corri".

Per gli inquirenti il colpevole è Dmytro Trembach: l'ormai ex compagno avrebbe appiccato l'incendio perché incapace di accettare la scelta della donna di lasciarlo. Il 26enne è stato sottoposto a fermo; a incastrarlo la madre della giovane uccisa a cui le ha confessato in una telefonata: "Io ho bruciato Anastasiia. Puoi comprare i fiori per il funerale".

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.