Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Foggia. Omicidio Roberta Perillo a San Severo. Chiesti 21 anni di reclusione per il compagno Francesco D'Angelo.

Immagine della notizia (Miniatura di RDelliSanti su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Foggia. Omicidio Roberta Perillo a San Severo. Chiesti 21 anni di reclusione per il compagno Francesco D'Angelo.

Si avvicina la sentenza per Francesco D'Angelo, l'uomo che uccise la compagna 32enne Roberta Perillo l'11 luglio 2019 a San Severo. Nella scorsa udienza del processo alla Corte d'Assise di Foggia, la pm Rosa Pensa ha chiesto 21 anni di reclusione per l'imputato, accusato di omicidio volontario.

Il verdetto ruota intorno alle consulenze tecniche delle parti, tra cui quella del noto criminologo Alessandro Meluzzi, chiamato dai legali della famiglia della vittima per confermare la capacità di intendere e di volere di D'Angelo. Di parere opposto la difesa. A metà strada il consulente della Procura che ha accertato un vizio parziale di mente.

L'avvocato Roberto De Rossi, legale della famiglia della vittima, ha esordito complimentandosi con la pubblica accusa per l'intervento esaustivo, ma ha anche ammesso che si aspettava una richiesta di pena più elevata: "Non consentite che Roberta muoia una seconda volta", le parole del legale in aula.

Il processo è fortemente tecnico e le testimonianze raccolte nelle varie udienze avrebbero aggiunto meri dettagli al quadro generale. D'Angelo, mai presente alle udienze, è detenuto in carcere in un'ala dedicata ai pazienti con presunti problemi psichiatrici.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.