Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Altopascio. Omicidio Maria Carmela Fontana. In aula l'ex compagna dell'imputato: "Mi ruppe un timpano e mi costrinse ad abortire".

Immagine della notizia (Miniatura di Sailko su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Altopascio. Omicidio Maria Carmela Fontana. In aula l'ex compagna dell'imputato: "Mi ruppe un timpano e mi costrinse ad abortire".

Nella scorsa udienza del processo a carico di Luigi Fontana sull'omicidio della moglie Maria Carmina Fontana, detta Carmela, avvenuto il 28 maggio 2021 ad Altopascio (Lucca), è stata chiamata a testimoniare in aula una donna bolognese.

Come riporta il quotidiano Il Tirreno, si tratta dell'ex compagna dell'imputato: "Per un anno e mezzo, dalla metà del 1989 alla fine del 1990, ho avuto una relazione e sono stata la convivente di Luigi Fontana. Un uomo violento, brutale, geloso al punto da pedinarmi".

"Un uomo che mi picchiava – continua la teste – e che in un momento di rabbia mi ha percosso a mano aperta rompendomi un timpano. Ancora oggi porto l'apparecchio acustico all'orecchio sinistro e per quelle lesioni permanenti percepisco una pensione d'invalidità".

Non solo, "Mentre stava con me venni a sapere che si era fidanzato con Carmela. Gli imposi di scegliere. Lui prese tempo, ma intanto ero rimasta incinta. Quando glielo dissi andò su tutte le furie: mi costrinse ad abortire".

Una testimonianza choc resa in nome della vittima affinché possa ottenere giustizia. Una deposizione che rischia di modificare il quadro processuale e pone nuovi interrogativi sulla figura dell'imputato, accusato del femminicidio della moglie.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.