Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

San Leonardo di Cutro. Omicidio Vincenza Ribecco. I figli della vittima presentano l'istanza per cambiare cognome.

Immagine della notizia (Miniatura di L'osservatore su it.wikipedia.org, licenza CC BY-SA 3.0)

San Leonardo di Cutro. Omicidio Vincenza Ribecco. I figli della vittima presentano l'istanza per cambiare cognome.

"La parola chiave è vergogna. Ci vergogniamo di dire che siamo dei Diletto, di scrivere il nostro nome abbinato a questo cognome. Io e mio fratello non abbiamo nulla in comune con nostro padre e tutto ciò che siamo lo dobbiamo soltanto a mia madre". A parlare è Rosaria, figlia di Vincenza Ribecco, la 61enne uccisa il pomeriggio dell'8 marzo scorso dall'ex marito Alfonso Diletto, fermato nell'immediatezza dei fatti dai Carabinieri.

Rosaria e il fratello Domenico – al quale toccò fare la triste scoperta al rientro a casa, quel tragico pomeriggio, tanto che gli caddero sul pavimento le mimose che aveva comprato per sua madre – hanno dato mandato all'avvocato Anna Maria Critelli perché faccia istanza per il cambio del cognome. La richiesta è stata inoltrata al prefetto di Mantova, poiché i ragazzi sono nati a Suzzara.

"Quel giorno non è morta soltanto nostra madre, siamo morti anche noi", dice Rosaria al Quotidiano del Sud. Non è un caso che sui manifesti funebri i due fratelli abbiano deciso di far pubblicare soltanto i loro nomi di battesimo.

"Che non si dica che aveva due figli e una nipote, che il suo cognome non vada avanti, che mio fratello non sia costretto a dare lo stesso cognome ai suoi figli, che tutti sappiano che siamo figli ad un'unica persona, nostra madre", aggiunge Rosaria. È una scelta netta, per dissociarsi profondamente da un uomo che ritengono soltanto colui che "ha ucciso nostra madre e che ci ha tormentati per anni".

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.