Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Valsabbia. Il giallo della morte di Jessica Mantovani. Il papà Giovanni non si arrende: "Mia figlia fu uccisa, indagate ancora".

Immagine della notizia (Miniatura di Les Meloures su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Valsabbia. Il giallo della morte di Jessica Mantovani. Il papà Giovanni non si arrende: "Mia figlia fu uccisa, indagate ancora".

Giovanni Mantovani, il padre di Jessica, la 37enne di Villanuova sul Clisi trovata morta il 13 giugno 2019 nel canale della centrale di Prevalle, uccisa in circostanze mai chiarite, non si dà pace. "Bisogna indagare ancora, Bresciani non è l'unico coinvolto nell'omicidio", dice.

Giancarlo Bresciani, amico 52enne della vittima, l'ultimo ad averla vista viva, è l'unico che sta affrontando l'udienza preliminare. La famiglia di Jessica avrebbe voluto portare davanti al giudice pure un suo vicino di casa, un 25enne che frequentava la casa dell'imputato con la donna. Era stato indagato per concorso in omicidio, ma il procedimento nei suoi confronti fu archiviato.

Dopo essersi opposto all'archiviazione senza successo, Mantovani ha presentato un reclamo al Tribunale. Il giudice si è riservato la decisione nelle prossime udienze. "Abbiamo sollevato una questione di legittimità", spiega l'avvocato Marino Colosio, che assiste il papà. "Il gip che ha archiviato l'inchiesta a carico del ragazzo è il medesimo che aveva rigettato la richiesta di misura cautelare nei suoi confronti e in quelli di Bresciani", chiarisce il legale.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.