Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Udine. Omicidio Aurelia Laurenti a Roveredo in Piano. Il marito condannato a 24 anni: Riconosciute le attenuanti generiche.

Immagine della notizia (Miniatura di LessOrMore su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 4.0)

Udine. Omicidio Aurelia Laurenti a Roveredo in Piano. Il marito condannato a 24 anni: Riconosciute le attenuanti generiche.

24 anni di carcere. Questa la condanna inflitta dalla Corte d'Assise di Udine nei confronti di Giuseppe Forciniti, giudicato colpevole dell'omicidio volontario della compagna Aurelia Laurenti, delitto avvenuto nella loro casa di Roveredo in Piano (Pordenone) il 25 novembre 2020.

"Questo è un omicidio volontario aggravato dalla convivenza e al limite della crudeltà", aveva sostenuto durante la requisitoria il pm Federico Facchin, chiedendo l'ergastolo. "Siamo riusciti a dimostrare - dice il difensore, l'avvocato Ernesto De Toni - che Forciniti è stato aggredito dalla compagna e per questo, quando ha inferto le coltellate, stava subendo uno choc dovuto proprio all'aggressione. La Corte ha accolto le tesi della difesa", ha concluso il legale.

"Si tratta - commenta l'avvocato di parte civile, Antonio Malattia - di una sentenza che non ha colto la gravità del fatto e il contesto in cui è maturato. In particolare è incomprensibile il riconoscimento delle attenuanti generiche equivalenti all'unica aggravante contestata, la convivenza, a un individuo che ha dimostrato di non essersi mai pentito e di non aver assolutamente compreso la gravità del gesto compiuto".

"Temo che nella decisione della Corte - prosegue il legale - abbia pesato l'inerzia della Procura che non ha contestato altre aggravanti, come i futili e abbietti motivi, l'aver agito con crudeltà e in presenza dei minori, nonostante avessi sollecitato in tal senso il pm con una memoria".

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.