Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Ladispoli. La giovane Sofia si è risvegliata dal coma. Il racconto ai Carabinieri: "È stato papà, voleva uccidere mamma, poi ha colpito me".

Immagine della notizia (Miniatura di Notafly su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Ladispoli. La giovane Sofia si è risvegliata dal coma. Il racconto ai Carabinieri: "È stato papà, voleva uccidere mamma, poi ha colpito me".

Si è svegliata dal coma Sofia, la 17enne che lo scorso 21 aprile è stata colpita dal padre, Fabrizio Angeloni, nella casa dove fino a poco tempo prima vivevano insieme a Ladispoli, in provincia di Roma.

Coccolata dai medici del Bambino Gesù, che non l'hanno mai lasciata sola, la ragazza è fuori pericolo. Dal suo letto dell'ospedale ai Carabinieri di Civitavecchia e al sostituto procuratore titolare del fascicolo d'indagine, Roberto Savelli, ha raccontato la sua verità su quanto successo la mattina di quel giovedì 21 aprile.

"È stato papà, voleva uccidere mamma, poi ha colpito me". Questo è quello che avrebbe detto Sofia. Prima la furiosa lite di Angeloni con la moglie Silvia Antoniozzi, poi la rabbia cieca e la fuga disperata della ragazza che, insanguinata perché colpita nel tentativo di difendere la mamma, ha chiesto aiuto ai vicini.

Silvia, invece, era rimasta in casa, accoltellata dal marito, un progettista meccanico di 49 anni, che non riusciva ad accettare la fine di quel matrimonio. L'uomo aveva tentato anche il suicidio. Ora è accusato di tentato duplice omicidio aggravato.

La moglie, Silvia Antoniozzi, un'insegnante di 48 anni, era rimasta ferita gravemente. Le sue condizioni erano apparse subito serie. Fortunatamente, però, la donna sta migliorando e ora è stata giudicata fuori pericolo. Proprio come la figlia Sofia, che ha riaperto gli occhi.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.