Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Samarate. Omicidio Giulia e Stefania Pivetta. Maja ascoltato dal gip: Il 57enne avrebbe avuto una fobia per la situazione debitoria.

Immagine della notizia (Miniatura di Ale5875 su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Samarate. Omicidio Giulia e Stefania Pivetta. Maja ascoltato dal gip: Il 57enne avrebbe avuto una fobia per la situazione debitoria.

Alessandro Maja, l'uomo accusato di aver ucciso la moglie Stefania Pivetta e la figlia Giulia a Samarate (Varese) è stato ascoltato questa mattina, venerdì 13 maggio 2022, dalla giudice per le indagini preliminari di Busto Arsizio, Piera Bossi, che lo ha interrogato nell'ospedale di Monza dove è tuttora ricoverato al reparto di psichiatria.

Maja è stato vago sui fatti specifici avvenuti nella notte tra il 3 e il 4 maggio scorso, ma avrebbe raccontato il movente del suo gesto. Una sorta di fobia per la situazione economico debitoria attraversata nell'ultimo periodo. Lo conferma l'avvocato Stefano Bettinelli, legale dei suoceri di Maja, che ha conferito con gli avvocati del sospettato dopo la conclusione dell'interrogatorio avvenuto in tarda mattinata.

Lo stesso avvocato, però, non può al momento dare contezza di questi presunti debiti: "I commercialisti che si occupavano degli affari di Alessandro Maja e della sua società si sono trincerati, almeno con noi, dietro al segreto professionale ma sappiamo che la Procura sta lavorando su questa parte e prima o poi questo aspetto verrà chiarito".

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.