Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Samarate. Omicidio Giulia e Stefania Pivetta. Il superstite Nicolò è uscito dal coma. Il padre Alessandro è tornato in carcere.

Immagine della notizia (Miniatura di Ale5875 su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Samarate. Omicidio Giulia e Stefania Pivetta. Il superstite Nicolò è uscito dal coma. Il padre Alessandro è tornato in carcere.

Nicolò Maja, il 23enne di Samarate (Varese), scampato alla furia del padre Alessandro, che lo scorso 4 maggio ha trucidato in casa sua la moglie Stefania Pivetta e la figlia Giulia, di 16 anni, è sveglio e riesce a comunicare a gesti.

"Nicolò - ha spiegato il suo legale - è decisamente migliorato e sembra davvero riesca a rispondere, anche se a gesti, alle domande. Una notizia bellissima, pure se la prognosi non è stata ancora sciolta e il percorso sarà molto, molto lungo".

Nel frattempo Alessandro Maja è stato trasferito dal reparto psichiatrico carcerario dell'ospedale San Paolo di Milano al carcere di Monza. Inizialmente dichiarato incompatibile con il carcere, per le sue condizioni psichiatriche, l'uomo è rientrato nel penitenziario monzese sulla base della decisione dei medici.

L'avvocato Enrico Milani è andato a trovare il proprio assistito insieme alla collega Sabrina Lamera: "Non so cosa abbiano concluso i dottori, noi non sappiamo nulla. Di certo serve una perizia psichiatrica che certifichi se fosse o meno capace di intendere e volere quando ha agito. Gli abbiamo comunicato che Nicolò ha dato segni di miglioramento, che si è mosso, e lui ha reagito con una parvenza di sorriso, ma è come se vivesse in un mondo tutto suo".

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.