Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Roma. Omicidio Caterina D'Andrea. La versione del marito: "Partito un colpo per errore, poi l'ho finita per non farla soffrire".

Immagine della notizia

Roma. Omicidio Caterina D'Andrea. La versione del marito: "Partito un colpo per errore, poi l'ho finita per non farla soffrire".

Un primo colpo di pistola partito "per errore". Il secondo per non farla soffrire perché la vittima era in condizioni disperate. È la spiegazione che Piero Bergantino, 76 anni, ha riferito agli inquirenti in merito all'omicidio della moglie Caterina D'Andrea, 72 anni.

La Procura contesta al pensionato, ex manager di compagnie assicurative, l'omicidio volontario aggravato dal legame familiare. La pistola era regolarmente detenuta dall'uomo. Nella giornata di ieri è stato convalidato il fermo.

Il 76enne si era recato dal suo avvocato, nel pomeriggio di lunedì scorso, per confessare l'accaduto, poi si era costituito alla Polizia, accompagnato dal legale. Ieri è stato ascoltato nuovamente, ribadendo così la sua versione al pm.

L'episodio sarebbe avvenuto domenica sera, nell'abitazione che i coniugi condividevano, tra i quartieri Trieste a Africano di Roma. Solamente nel pomeriggio del giorno successivo l'anziano si è recato dall'avvocato per rendere noto il fatto.

Eppure la storia non appare ancora chiara agli occhi degli inquirenti. Il rapporto tra moglie e marito non sembrava avere coni d'ombra. Le indagini sono state affidate alla Polizia, che è al lavoro per fare chiarezza sulla dinamica dell'accaduto.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.