Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Genova. Il caso di Cristina Dirac. Non è stato un omicidio: Morta per cirrosi epatica. Il marito in carcere con l'accusa di maltrattamenti.

Immagine della notizia (Miniatura di Marek Śliwecki (Slimark) su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 4.0)

Genova. Il caso di Cristina Dirac. Non è stato un omicidio: Morta per cirrosi epatica. Il marito in carcere con l'accusa di maltrattamenti.

È stata un'emorragia interna causata dalla cirrosi epatica a uccidere Cristina Diac, la donna di 48 anni trovata morta nella sua casa di Sampierdarena a Genova.

È il risultato dell'autopsia eseguita ieri pomeriggio dal medico legale Francesco Ventura, incaricato dalla Procura. L'uomo è stato indagato per omicidio volontario proprio per consentire i necessari accertamenti. Il marito è in carcere, però, con l'accusa di maltrattamenti. Il pubblico ministero Gabriella Marino ha chiesto la convalida del fermo e nei prossimi giorni il giudice per le indagini preliminari dovrà fissare l'udienza di convalida.

Secondo l'esame autoptico le quattro ecchimosi trovate sul corpo della donna sarebbero state vecchie e non tali da causare morte o danni gravi, mentre l'emorragia interna che ha stroncato Cristina Diac è stata causata della cirrosi epatica.

In base alle indagini della Squadra Mobile, guidata dal primo dirigente, Stefano Signoretti, le liti tra i due erano frequenti, anche a causa dell'abuso di alcol. L'uomo era stato rinviato a giudizio per maltrattamenti nei confronti della coniuge risalenti al 2019.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.‍