Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Brescia. Omicidio Mina Safine. Le motivazioni della condanna che ha inflitto l'ergastolo al marito Abderrahim Senbel.

Immagine della notizia (Miniatura di Wolfgang Moroder su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Brescia. Omicidio Mina Safine. Le motivazioni della condanna che ha inflitto l'ergastolo al marito Abderrahim Senbel.

Sono state pubblicate le motivazioni della sentenza che il 21 giugno scorso ha condannato all'ergastolo il 55enne Abderrahim Senbel per aver ucciso il 27 settembre 2020 la moglie 45enne Mina Safine, dandole fuoco nel loro appartamento al sesto piano di un condominio di Urago Mella, quartiere di Brescia.

Secondo i giudici, la tesi dell'imputato che la moglie si sia data fuoco da sola non sta in piedi, sia per le dichiarazioni della vittima subito dopo il fatto (con una telefonata a un'amica in cui accusava il marito di averle dato fuoco) sia perché "dalla consulenza medico-legale è emerso che l'ustione più acuta si trovava sotto il mento della vittima, a dimostrazione che il fuoco aveva avuto origine 'nella parte anteriore alta del volto', per poi propagarsi nelle altre aree del corpo".

"L'unico punto della cute di Safine risultato integro era quello dei solchi sottomammari e dei cavi ascellari, il che consente di affermare che la vittima al momento del fatto non aveva, con intento autolesionistico, proiettato il braccio in direzione della parte superiore del capo onde innescare ella stessa la fiamma".

Insomma, secondo la Corte "si è in presenza di una ricostruzione storica affidabile, fondata sul coerente intreccio tra quanto dichiarato dalla stessa persona offesa nell'immediatezza del fatto ed il contributo conoscitivo versato in udienza dai testi, cui devono aggiungersi il solido puntello fornito dalla consulenza medico-legale e le dichiarazioni a dir poco autolesionistiche dell'imputato".

Mina Safine aveva riportato ustioni sul 90% del corpo ed era stata ricoverata prima a Brescia per poi essere trasferita a Genova, dove era morta una settimana dopo.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.‍