Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Messina. Omicidio Lorena Quaranta a Furci Siculo. Il fidanzato Antonio De Pace condannato in primo grado all'ergastolo.

Immagine della notizia

Messina. Omicidio Lorena Quaranta a Furci Siculo. Il fidanzato Antonio De Pace condannato in primo grado all'ergastolo.

La Corte di Assise di Messina ha condannato all'ergastolo il 29enne Antonio De Pace, accusato dell'omicidio della fidanzata Lorena Quaranta, 28 anni, uccisa al culmine di una lite avvenuta nell'appartamento che condividevano a Furci Siculo nel corso della notte tra il 30 e il 31 marzo 2020.

Accolta dunque la richiesta dell'accusa, sostenuta in aula dal pm Roberto Conte, ma esclusa l'aggravante della premeditazione. Fu lo stesso De Pace, dopo aver strangolato la compagna, a chiamare i Carabinieri: "Venite, ho ucciso la mia fidanzata".

Il movente del delitto non è mai stato del tutto chiarito. L'infermiere calabrese aveva infatti sostenuto, almeno nelle prime fasi delle indagini, di avere ucciso la giovane perché convinto di aver contratto il Covid-19 a causa sua. Una circostanza poco credibile e smentita immediatamente grazie ai successivi esami effettuati.

La Procura di Messina, inoltre, ha contestato all'imputato l'aggravante della premeditazione, sostenendo l'ipotesi che il delitto fosse stato ideato e pianificato in base al fatto di aver inviato alcuni messaggi ai parenti più stretti manifestando la volontà di trasferire i propri risparmi ai nipoti. Questa circostanza, però, è stata esclusa dai giudici della Corte d'Assise di Messina.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.‍