Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Lanciano. Il caso di Anna Maria D'Eliseo, trovata morta in casa lo scorso 15 luglio. L'autopsia non chiarisce le cause del decesso.

Immagine della notizia (Miniatura di Luca Aless su it.wikipedia.org, licenza CC BY-SA 4.0)

Lanciano. Il caso di Anna Maria D'Eliseo, trovata morta in casa lo scorso 15 luglio. L'autopsia non chiarisce le cause del decesso.

I dubbi permangono. Bisogna dunque ancora attendere per conoscere le modalità che hanno portato alla morte della collaboratrice scolastica Anna Maria D'Eliseo, 60 anni, trovata senza vita lo scorso 15 luglio in una rimessa esterna alla propria villa di contrada Iconicella a Lanciano (Chieti).

L'autopsia, effettuata ieri mattina all'ospedale di Fermo, dal medico legale Cristian D'Ovidio, non ha dato un responso chiarificatore. E, quindi, probabilmente, saranno effettuati ulteriori esami. I risultati si sapranno entro 60 giorni. Un mistero che si fa fitto e che, al momento, vede inquisito per omicidio volontario il marito della vittima, un 70enne vigile del fuoco in pensione.

Era stato lo stesso uomo a lanciare l'allarme. Ai Carabinieri giunti sul posto aveva riferito: "Mia moglie si è impiccata". Ma diverse circostanze avrebbero reso il suo racconto poco verosimile. Agli inquirenti la sua versione non convince del tutto.

Il matrimonio tra Anna Maria e l'uomo negli ultimi tempi era divenuto molto conflittuale. La donna aveva anche lasciato il tetto coniugale, rifugiandosi dai figli, ma poi era tornata a casa volendo "tenere unita la famiglia". Il settantenne ha respinto ogni addebito: "Non l'ho uccisa io e neppure mai maltrattata". I familiari della vittima tuttavia sostengono che lei non si sarebbe mai tolta la vita. Il giallo dunque resta aperto.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.‍