Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Capalbio. Omicidio Elena Madalina. "Agì con crudeltà": Chiesta la condanna all'ergastolo per il marito Adrian Luminita.

Immagine della notizia (Miniatura di Mongolo1984 su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 4.0)

Capalbio. Omicidio Elena Madalina. "Agì con crudeltà": Chiesta la condanna all'ergastolo per il marito Adrian Luminita.

La pm Valeria Lazzarini ha chiesto la condanna all'ergastolo nei confronti di Adrian Luminita, l'uomo che con 27 coltellate uccise la moglie Elena Madalina Luminita, 32enne, poi cosparsa di benzina e data alle fiamme nella dependance dove risiedevano a Capalbio (Grosseto).

Omicidio volontario aggravato e tentativo di occultamento di cadavere. Questi i reati contestati all'uomo, che confessò di aver ucciso la moglie. La pm ha ripercorso tutte le ultime ore della donna, trovata con decine di ferite da arma da taglio e numerose bruciature.

La sua morte non era avvenuta la mattina che Adrian dette l'allarme, il 7 dicembre del 2020, ma risaliva almeno al giorno prima. "Non ha tentato il suicidio dopo averla uccisa - ha detto la pm Lazzarini - Quando ha appiccato il fuoco per distruggere il cadavere le fiamme lo hanno raggiunto. Ed è corso dove c'era l'acqua per spegnere il fuoco".

Secondo la Pm poi Luminita "avrebbe inscenato una lite, spaccando tutto quello che c'era nell'appartamento. Dopo l'arresto l'uomo sostenne che si era difeso e che era stata la donna a provare a ferirlo con un coltello". "Ha agito con crudeltà - conclude la pm - in un luogo isolato, dove nessuno avrebbe potuto sentire le urla della vittima".

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.‍