Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Mogliano Veneto. Caso Marta Novello. Scarcerato il minorenne che l'aveva aggredita. Ora si trova a Londra per "un errore".

Immagine della notizia (Miniatura di Frassionsistematiche su Wikimedia Commons, licenza CC BY 3.0)

Mogliano Veneto. Caso Marta Novello. Scarcerato il minorenne che l'aveva aggredita. Ora si trova a Londra per "un errore".

Ci sarebbe un errore di procedura alla base della scarcerazione del minorenne che nel marzo del 2021 aggredì la giovane Marta Novello, ferita con 23 coltellate mentre faceva jogging in un viottolo di campagna in località Marocco a Mogliano Veneto in provincia di Treviso.

La notizia ha spinto la ministra della Giustizia, Marta Cartabia, a incaricare gli ispettori allo scopo di approfondire la vicenda e svolgere "i necessari accertamenti preliminari, formulando all'esito valutazioni e proposte". L'aggressore di Marta in questo momento si troverebbe a Londra, dove vive la madre.

Cosa ha portato alla scarcerazione? Il ragazzo era stato condannato in primo grado dal Tribunale dei minori a 6 anni di reclusione. Secondo le indagini, il giovane era uscito di casa con l'intento di compiere una rapina, probabilmente per comprarsi della droga.

L'incontro con la studentessa, allora 26enne, era stato del tutto casuale. La vittima subì danni gravissimi e solo grazie a diversi interventi chirurgici era riuscita a sopravvivere. Ma in secondo grado, alla Corte d'Appello di Venezia, il responsabile si era visto ridurre la pena a 5 anni di reclusione per tentato omicidio e tentata rapina.

La sentenza aveva confermato la prescrizione di sicurezza di due anni da scontare successivamente alla pena detentiva considerata la sua pericolosità sociale. Poi però, lo scorso 21 luglio, in attesa del terzo grado di giudizio, il minore è stato scarcerato dal carcere napoletano di Nisida per scadenza dei termini per la custodia cautelare. Avrebbero dovuto portarlo in una comunità lontana da Treviso ma qualcosa è andato storto. Non gli avrebbero notificato nulla.

Il provvedimento, secondo quanto emerso finora, in realtà sarebbe stato emesso il 19 luglio, concedendo però tempo sino al 20 settembre per comunicarlo al diretto interessato. Nel frattempo il ragazzo ha lasciato l'Italia per raggiungere Londra.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.‍