Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Firenze. La pm Beatrice Giunti: "Una donna ubriaca non è consenziente ad atti sessuali. Ma non è chiaro all'opinione pubblica".

Immagine della notizia (Miniatura di "ho visto nina volare" su Flickr, licenza CC BY-SA 2.0)

Firenze. La pm Beatrice Giunti: "Una donna ubriaca non è consenziente ad atti sessuali. Ma non è chiaro all'opinione pubblica".

La Dottoressa Beatrice Giunti, pubblico magistrato del Tribunale di Firenze, è stata intervistata dal quotidiano La Nazione. Tra i diversi temi trattati, anche su un caso di violenza di genere.

Cosa è possibile dire di questa vicenda? "La donna era in evidente condizione di inferiorità psicofisica. Non in grado di prestare valido consenso ad atti sessuali. Aveva bevuto già da ore prima dei fatti. Ma questa non è un'attenuante, come invocato da qualcuno. Neppure se avesse provocato, o chiesto. Non era in condizione. E anche se non c'è stato ricorso alla forza fisica: è stata solo afferrata per un braccio".

È tanto difficile da capire? "È un concetto che non entra bene nell'opinione pubblica. E va esteso a giovani e giovanissimi. Ci siamo imbattuti in diversi casi di 18-19enni, ragazzi intendo che hanno fatto sesso con ragazzine ubriache. Poi hanno detto 'ma lei ci stava, era consenziente'. Non è così".

Torniamo al caso. "La donna è stata sentita due volte. Non ricordava, non ricorda niente. Solo le facce di un paio di uomini, quelli dai quali presumibilmente è stata violentata. Eppure è stata due ore".

Dov'è al momento? "È tornata in Canada. Non risulta che abbia nominato un avvocato di parte offesa. Come è già accaduto ad altre vittime, ha voglia di dimenticare. Di rinascere. Naturalmente quando sarà il momento le notificheremo gli atti per darle modo di ottenere giustizia".

Dottoressa, il film con il telefonino diffuso via Whatsapp: cosa sottintende? "Una bravata tra amici. 'Guarda come sono stato bravo a...' ci siamo intesi. E poi entra in gioco la cultura degli indagati, la donna considerata consenziente"...

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.