Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Crema. Le comunità di Vergonzana e San Bernardino unite nel ricordo di Sabrina Beccalli. Silenzio e dolore alla fiaccolata.

Immagine della notizia

Crema. Le comunità di Vergonzana e San Bernardino unite nel ricordo di Sabrina Beccalli. Silenzio e dolore alla fiaccolata.

Come già nel 2020 e l'anno scorso, venerdì sera 26 agosto la comunità di San Bernardino e Vergonzana è tornata a riunirsi per ricordare Sabrina Beccalli.

Una fiaccolata a cui hanno partecipato una cinquantina di persone, organizzata a due anni e pochi giorni dalla drammatica morte della 39enne, avvenuta la notte di Ferragosto nell'appartamento di via Porto Franco a Crema. Commozione e raccoglimento per una camminata silenziosa, cominciata dal sagrato della parrocchia di Vergonzana e conclusa poco più di mezz'ora dopo nella chiesa di San Bernardino.

Un corteo con in testa il parroco don Lorenzo Roncali, che ha portato la croce. "Siamo qui per ricordare la cara Sabrina, una donna che portava gioia e il suo sorriso, e noi vogliamo evidenziarli con la luce – ha sottolineato il sacerdote prima della partenza – Io sarò in testa alla fiaccolata con la croce, simbolo di dolore, ma segno anche di resurrezione, della voglia e del desiderio di riscatto dalla morte".

"Partiamo da Vergonzana, la zona dove venne ritrovato quel poco che rimaneva del corpo di Sabrina due anni fa, e raggiungiamo San Bernardino, il quartiere dove lei aveva sempre vissuto". Proprio don Lorenzo, come già gli anni scorsi, in accordo con i fratelli della vittima, Giorgio, Simona e Teresa, ha voluto la fiaccolata.

Il corpo di Sabrina Beccali è stato divorato dalle fiamme. Non è stato dunque possibile restituirne i resti ai fratelli e al figlio, che all'epoca della morte aveva 15 anni. È stato bruciato all'interno della Fiat Panda da Alessandro Pasini, l'amico della 39enne. L'ottobre scorso lo stesso Pasini, che si trovava nel penitenziario a Monza da un anno, due mesi e 10 giorni, era uscito di cella dopo la sentenza che lo aveva assolto dall'accusa di omicidio. Lui ha sempre negato di aver ucciso Sabrina.

"È morta per un'overdose" ha ripetuto ogni volta agli investigatori. Quella notte Pasini era con lei nell'appartamento di via Porto Franco. "Sì è vero, ho caricato sulla Fiat Panda il cadavere e ho dato fuoco all'auto, perché ero nel panico, ma non l'ho ammazzata io". La condanna a suo carico è di 6 anni di reclusione per distruzione di cadavere. Una versione dei fatti alla quale i fratelli non credono affatto. Sperano nel processo d'Appello, di cui deve ancora essere fissata la data.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.