Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Assisi. Torna con l'ex che le aveva rotto tre costole, ma la situazione non cambia. Scatta la denuncia e il divieto di avvicinamento.

Immagine della notizia (Miniatura di Bbruno su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Assisi. Torna con l'ex che le aveva rotto tre costole, ma la situazione non cambia. Scatta la denuncia e il divieto di avvicinamento.

La Polizia di Stato di Assisi ha eseguito la misura del divieto di avvicinamento, emessa dal gip di Perugia, nei confronti di un 31enne indagato per il reato di maltrattamenti in famiglia e lesioni nei confronti dell'ex compagna.

Nella denuncia la donna ha riferito che lo scorso 7 giugno, a seguito di una discussione per motivi di gelosia, l'uomo aveva dato in escandescenza e, dopo averla spinta a terra, l'aveva aggredita e percossa violentemente, arrivando persino a romperle tre costole. Secondo quanto riferito dalla vittima, il 31enne era solito aggredirla ogni volta che le capitasse di incontrare degli amici.

La donna ha spiegato agli agenti che, dopo un periodo di separazione, aveva deciso di riprendere la relazione, ma la situazione era nuovamente degenerata quando, lo scorso 14 agosto, mentre erano intenti a fare la spesa, avevano incontrato il cognato. Il giovane, infatti, una volta ritornati a casa aveva ricominciato ad aggredirla.

A quel punto la vittima, esasperata dalla situazione e con la scusa di dover tornare nella propria residenza, era andata al pronto soccorso e, dopo le cure del caso, si era recata presso la sede del commissariato di Assisi per chiedere aiuto ai poliziotti e uscire dall'incubo che stava vivendo.

Gli accertamenti effettuati dagli agenti hanno messo in luce "le numerose vessazioni fisiche e psicologiche perpetrate nell'ultimo periodo dall'indagato che si era ripetutamente lasciato andare ad aggressioni verbali e fisiche contro l'ex compagna, procurandole uno stato di sofferenza, depressione e paura".

Al 31enne è stato contestato il reato di maltrattamenti in famiglia con contestuale richiesta di applicazione di una misura cautelare. Il gip di Perugia, considerati i gravi indizi di colpevolezza, la sussistenza delle esigenze cautelari e il pericolo di reiterazione del reato, ha emesso un'ordinanza applicativa del divieto di avvicinamento alla donna e ai luoghi di lavoro o quelli abitualmente frequentati dalla persona offesa.

Il divieto, peraltro, è stato corredato da quello ulteriore di mettersi in contatto con qualsiasi mezzo con la vittima.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.