Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Maiolati Spontini. Aggredì la moglie a coltellate e lei perse un rene. Un 48enne condannato a 6 anni.

Immagine della notizia (Miniatura di Tiziana Tobaldi su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 4.0)

Maiolati Spontini. Aggredì la moglie a coltellate e lei perse un rene. Un 48enne condannato a 6 anni.

È arrivata una condanna a 6 anni di reclusione per il 48enne che meno di un anno fa aveva accoltellato la moglie a Maiolati Spontini (Ancona), dopo una discussione durata tutta la notte perché lei voleva il divorzio.

La donna era finita in ospedale in gravi condizioni e aveva perso un rene. La sentenza di primo grado, in abbreviato, è stata emessa ieri dalla gup Francesca De Palma, al Tribunale di Ancona. La vittima si è costituita parte civile.

La coppia è originaria della Tunisia. I fatti risalgono al 5 ottobre dello scorso anno. L'uomo, un metalmeccanico e padre dei due figli nati durante la relazione con la consorte, aggredì con un coltello la moglie 38enne al culmine di un litigio. La donna, rimasta ferita all'addome in gravi condizioni, perse un rene. Con l'accusa di tentato omicidio aggravato, lui era finito in manette.

Durante le indagini dei Carabinieri, coordinate dalla pm Irene Bilotta, era emerso che il litigio era durato tutta la notte, forse a più riprese. L'uomo, stando alla tesi difensiva, ha sempre negato di aver voluto colpire la moglie. Il movente sarebbe di tipo sentimentale: lei voleva lasciarlo, ma lui non si sarebbe rassegnato.

Gli avvocati dell'uomo hanno richiesto la scarcerazione, presentando l'istanza dei domiciliari con braccialetto elettronico. La giudice si è riservata di decidere.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.