Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Ferrara. Doriano Saveri: "Non ho ucciso Rossella Placati. Sono innocente, non merito tutto questo".

Immagine della notizia (Immagine di Vanni Lazzari su Wikimedia Commons — CC BY-SA 4.0)

Ferrara. Doriano Saveri: "Non ho ucciso Rossella Placati. Sono innocente, non merito tutto questo".

Doriano Saveri ha rilasciato dichiarazioni spontanee nella scorsa udienza in aula alla Corte d'Assise di Ferrara: "Sono da due anni in carcere, ma sono innocente. La vera condanna è per la mia famiglia, per mia figlia, per mia sorella. Sono sicuro di non meritare tutto questo, sono una persona buona, corretta e alla fine mi ritrovo in carcere per omicidio".

L'uomo è accusato di aver ucciso la convivente ed ex compagna Rossella Placati, 50 anni, trovata morta la mattina del 22 febbraio 2021 in casa a Bondeno (Ferrara). L'uomo ha risposto a tutte le domande dei pubblici ministeri Stefano Longhi e Lisa Busato, e quelle delle parti civili e della sua difesa. Ha ribadito sempre la stessa versione dei fatti, ovvero che lui ha trovato il corpo senza vita della donna, ma non l'ha uccisa.

Saveri era stato ospitato dalla compagna in casa, ma ormai il loro rapporto era al capolinea. Lei lo aveva invitato a lasciare l'abitazione. Erano frequenti i litigi fra le mura domestiche, come confermato dallo stesso imputato in aula: "Insisteva a mettere in giro la voce che ero un drogato, che non pagavo le spese in casa". Lui voleva denunciarla perché si sentiva diffamato.

Durante un ennesimo diverbio lei lo avrebbe minacciato: "Sono volate parole, mi ha detto di stare attento, 'ammazzo te e tua figlia'... Quando mi sono girato ho trovato Rossella che mi puntava un coltello sulla pancia". Coltello che però non è mai stato trovato nel corso delle indagini.

Per gli inquirenti sarebbe stato lui a colpirla con un oggetto contundente, fino a fracassarle il cranio. Nel corso dell'aggressione, fu anche accoltellata. La mattina seguente si recò dai Carabinieri per confessare la sua innocenza. Fu arrestato.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.