Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Grosseto. Picchiava la compagna con un bastone. Condannato in abbreviato a 2 anni.

Immagine della notizia (Immagine di Geobia su Wikimedia Commons — CC BY-SA 3.0)

Grosseto. Picchiava la compagna con un bastone. Condannato in abbreviato a 2 anni.

Botte, soprusi, denunce. Non era bastata una vita d'inferno ad una donna per "staccarsi" definitivamente dal suo uomo. La vittima infatti, nonostante le violenze e i maltrattamenti da parte del suo compagno, continuava a frequentarlo.

L'uomo adesso è in carcere perché, nonostante avesse l'obbligo di dimora a Roma, dove è residente, era andato a trovare la ragazza. I due si erano conosciuti su Facebook alla fine di aprile dello scorso anno. Ma spesso lui, dopo aver bevuto, la maltrattava e la picchiava.

Succedeva spesso, soprattutto nella casa dove si erano trasferiti, sull'Amiata. L'uomo durante le liti la picchiava con un bastone. La donna veniva anche minacciata di morte. Alla fine del dicembre scorso, esausta dei continui maltrattamenti, la donna se n'era andata di casa, chiedendo ospitalità ad un amico.

Ma la stessa aveva cercato di nuovo di contattare il compagno violento tramite il cellulare dell'amico che la ospitava. Anche lui poi minacciato di morte dal compagno in preda all'ira. Ma dopo aver chiesto l'intervento dei Carabinieri, la donna aveva ritirato la denuncia. I reati contestati sono quelli di maltrattamenti e lesioni aggravate nei confronti di una donna e minacce aggravate nei confronti dell'uomo che la ospitava.

L'indiziato, un 43enne, è stato processato. Il pm Federico Falco ha chiesto una condanna a cinque anni di reclusione. Il gip Marco Mezzaluna lo ha invece condannato a due anni e 8 mesi di reclusione, tenuto conto della riduzione di un terzo per la scelta del rito abbreviato.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.