Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Gavoi. Fece uccidere la moglie Dina Dore: Francesco Rocca dovrà pagare il mantenimento della figlia.

Immagine della notizia (Immagine di Denis Barthel su Wikimedia Commons — CC BY-SA 4.0)

Gavoi. Fece uccidere la moglie Dina Dore: Francesco Rocca dovrà pagare il mantenimento della figlia.

Francesco Rocca, il dentista di Gavoi (Nuoro) condannato in via definitiva come mandante dell'omicidio della moglie Dina Dore avvenuto il 26 marzo del 2008 nella loro casa, dovrà versare alla sorella di Dina, Graziella, affidataria della figlia minore della coppia, 78mila euro per gli arretrati del mantenimento in favore della minore.

Lo ha stabilito il giudice civile del tribunale di Nuoro, Salvatore Falzoi, in seguito alla causa intentata contro l'uomo nel 2021 dalla stessa Graziella Dore, assistita dalle avvocate Annamaria Busia e Francesca Calabrò.

Parallelamente a questo procedimento, ve ne sono altri due - sempre contro Rocca -, pendenti al tribunale di Nuoro. Il primo è relativo alla causa promossa dalla figlia minore di Rocca, oggi 14enne, assistita da Francesca Calabrò, per il risarcimento dei danni patiti a seguito del delitto della madre.

L'altro riguarda i beni del dentista: la madre e le sorelle di Rocca hanno intentato una causa affinché gli averi dell'uomo rientrino nell'asse familiare "a garanzia del patrimonio della figlioletta".

Un procedimento ancora in corso, al quale si sono opposte le avvocate Busia e Calabrò, secondo le quali la causa "è solo un escamotage per svincolare il patrimonio di Rocca e non renderlo aggredibile dalla figlia, che dal padre non ha mai ricevuto nulla".

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.