Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Borgo Valbelluna. Omicidio-suicidio a Pellegai. 56enne uccide la madre, poi si toglie la vita.

Immagine della notizia (Immagine di Jacobus su it.wikipedia.org — CC BY-SA 3.0)

Borgo Valbelluna. Omicidio-suicidio a Pellegai. 56enne uccide la madre, poi si toglie la vita.

Ha ucciso la madre e poi si è tolto la vita. È successo ieri a Pellegai, piccola frazione di Borgo Valbelluna (Belluno). La donna, Antonia Schiocchet di 88 anni, è stata colpita con una coltellata all'addome, poi Aurelio Monestier di 56 anni ha rivolto l'arma verso sé stesso.

A lanciare l'allarme sarebbe stata l'altra figlia, che abita nelle vicinanze e che si era recata all'abitazione, preoccupata perché non li vedeva rientrare dalla consueta passeggiata.

Lì ha trovato la madre in casa e il fratello nel magazzino, ormai privi di vita. L'anziana viveva da sola, era accudita da un'assistente, ma il figlio tornava spesso all'abitazione per aiutare l'88enne.

Non sono chiare le motivazioni che hanno scatenato il delitto. Le indagini sono affidate ai Carabinieri, le forze dell'ordine escludono la partecipazione di altre persone mentre la Procura disporrà le autopsie.

L'ipotesi dell'omicidio-suicidio sono suffragate dal fatto che l'88enne è stata trovata morta in casa con un colpo all'addome mentre il figlio si è tagliato la gola in un magazzino vicino alla casa della madre.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.