Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Udine. Picchiata in casa, chiama la Polizia. La vittima collocata in una struttura protetta.

Immagine della notizia (Immagine di LessOrMore su Wikimedia Commons — CC BY-SA 4.0)

Udine. Picchiata in casa, chiama la Polizia. La vittima collocata in una struttura protetta.

Gli agenti della Polizia di Stato di Udine, nella serata dello scorso martedì 15 novembre, hanno arrestato un cittadino marocchino, 29enne residente in città, per maltrattamenti nei confronti della propria compagna.

Verso le ore 18.30 gli equipaggi della Squadra Mobile intervenivano celermente presso l'abitazione dei due, a seguito della chiamata giunta alla Sala Operativa della Questura da parte della donna che chiedeva disperato aiuto, menzionando percosse ed abusi subiti.

I poliziotti trovavano la donna in forte stato di agitazione, piangente, con escoriazioni sanguinanti al naso e sulla fronte. In casa, in una culla, dormiva fortunatamente ignara di quanto succedeva, la figlia neonata della coppia. Nel frattempo gli agenti identificavano il compagno, in stato di alterazione dovuto all'abuso di alcolici.

Negli uffici, al termine dell'attività di Polizia giudiziaria, sentite la sorella ed una vicina di casa, gli agenti ricostruivano tutta una serie di pregressi episodi di violenze sia fisiche che morali poste in essere dal marito padrone, spesso ubriaco, ed ormai insopportabili per la donna che, unitamente alla figlioletta, veniva in serata collocata in una struttura protetta.

L'uomo veniva tratto in arresto per i maltrattamenti e le lesioni cagionate alla moglie ed associato alla locale casa circondariale a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

Il 16 novembre, in sede di convalida dell'arresto, il GIP, sussistendo l'esigenza cautelare di impedire la reiterazione dei maltrattamenti, disponeva a carico dell'indiziato l'allontanamento dalla casa familiare ed il divieto di avvicinamento alla persona offesa ed ai luoghi da lei abitualmente frequentati.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.