Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Arese. Omicidio Silvia Guzman. Le motivazioni della condanna: "Il marito si sentiva un fallito".

Immagine della notizia (Immagine di Liuc4gv su Wikimedia Commons — CC BY-SA 4.0)

Arese. Omicidio Silvia Guzman. Le motivazioni della condanna: "Il marito si sentiva un fallito".

Aveva "una condizione emotiva del tutto alterata al momento della commissione dei fatti", era "un uomo che si sentiva fallito come genitore e marito". Con queste motivazioni la Corte d'Assise di Milano ha deciso di riconoscere le attenuanti generiche per il suo "stato emotivo" a Jaime Moises Rodriguez Diaz.

L'ex manager di 42 anni, di origini messicane, il 19 giugno 2021 ad Arese, uccise la moglie di 48 anni, Silvia Susana Villegas Guzman, soffocandola, e tentò di ammazzare con una cintura uno dei tre figli, il 18enne.

Attenuanti che hanno portato a 27 anni di reclusione la pena per l'imputato, a fronte di una richiesta di ergastolo e sei mesi di isolamento diurno per omicidio volontario aggravato e tentato omicidio formulata dal pm Giovanni Tarzia.

Pm che nella requisitoria aveva ricordato come nelle indagini, condotte dai carabinieri di Rho, i tre figli della coppia avessero descritto il padre, difeso dall'avvocato Iacopo Viola, come "un uomo violento e pericoloso".

Rodriguez, scrive la Corte (giudici togati Ilio Mannucci Pacini e Alessandro Santangelo), "era un uomo che si sentiva fallito come genitore per non essere riuscito a costruire 'una buona famiglia', come padre per gli errori commessi e come marito". Sulla base di una sentenza della Cassazione dell'82, la Corte chiarisce che "gli stati emotivi o passionali, pur non escludendo né diminuendo l'imputabilità" possono "essere considerati dal giudice ai fini della concessione delle circostanze attenuanti generiche, influendo essi sulla misura della responsabilità penale".

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.