Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Bologna. Omicidio Kristina Gallo. Giuseppe Cappello ai domiciliari con braccialetto elettronico.

Immagine della notizia (Immagine di Depositphotos)

Bologna. Omicidio Kristina Gallo. Giuseppe Cappello ai domiciliari con braccialetto elettronico.

Giuseppe Cappello è ai domiciliari, con l'ausilio del braccialetto elettronico. Lo ha deciso il giudice Sandro Pecorella, accogliendo – con parere favorevole della Procura – l'istanza di attenuazione della misura cautelare presentata nei giorni scorsi dai difensori dell'uomo, gli avvocati Gabriele Bordoni e Alessandra Di Gianvincenzo.

"Non sussistono le esigenze cautelari dettate da un pericolo di reiterazione del reato concreto e attuale", sottolinea l'avvocato Bordoni. Cappello è l'ex fidanzato di Kristina Gallo, la giovane di 27 anni trovata morta dal fratello, il 26 marzo di tre anni fa a Bologna, nel suo appartamento in affitto in via Andrea da Faenza.

Per quell'omicidio, aggravato dallo stalking, è ora accusato Cappello, che dal luglio scorso si trovava in carcere alla Dozza. Il processo a carico del quarantaquattrenne, con rito abbreviato, entrerà nel vivo il prossimo aprile.

Già ad agosto, due giorni dopo l'arresto, la difesa di Cappello aveva fatto richiesta di sostituzione della misura cautelare, dal carcere ai domiciliari con supporto elettronico, evidenziando tra l'altro l'incompatibilità dell'indagato col carcere date le sue condizioni di salute; l'istanza fu rigettata, gli avvocati fecero appello e il Tribunale della libertà incaricò un perito medico legale di valutare le condizioni dell'uomo, dopo di che rigettò nuovamente le istanze.

In quelle circostanze però, essendo le indagini ancora in corso, "non furono sollevate tematiche di gravità indiziaria e di sussistenza delle esigenze cautelari", specificano i legali difensori. "Il giudice ha, a nostro avviso, correttamente sganciato la fase cautelare da quella del merito – chiarisce l'avvocato Bordoni –: la gravità del presunto delitto, che peraltro è ancora da approfondire se ci sia stato o meno, è distinta dall'attualità e concretezza di pericolo di reiterazione del reato. Anche perché agli atti non risulta esista una 'seconda vittima' che possa essere destinataria di un gesto inconsulto del nostro assistito".

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.